from Archaic to The Internet archive

10 Ottobre / 7 Novembre 2015

a cura di Lapo Simeoni

 

ELOISE GHIONI

LEEZA HOOPER

MARTINA MERLINI

SANDRO DEL PISTOIA

LAMBERTO TEOTINO

 

opening sabato 10 ottobre 2015 ore 18,30

 

Il secolo in cui siamo appena entrati, ci ha trasportato anni luce in avanti guardando indietro al XIX.

Grandi le scoperte tecnologiche... molte le rivoluzioni sociali, sono decedute per fortuna anche molte illusioni create ad arte nei secoli dove il progresso ed il Capitalismo portavano

avanti avanguardie corporative spietate “CCC” Cresci/Consuma/Crepa. L’evoluzione umana poi negli anni di “Internet” si è si è trasformata in un enorme enciclopedia virtuale iper-mega veloce e dove il “tutto” si può racchiude in... “Loading”.

 

La protesta anticonsumistica viene deviata e trasformata in propaganda pubblicitaria, le corporazioni utilizzano nuove tecniche raffinate come ”Guerriglia marketing” e così tutto diventa uno show ed “il pubblico che è l’unico giudice” diventa così protagonista di se stesso in una farsa e comparsa di gloria contemporanea.

L’artista di oggi deve quindi prendere posizione cercando di non essere inglobato e diventare parte di questo show mediatico dove tutto è spettacolo.

Uno spettacolo che dura il tempo di un “clic”, veloce, velenoso e pericoloso in quanto senza una critica costruttiva basata sulla riflessione del rapporto tra opera/contemporaneità e tempo.

 

Sarà il tempo a diventare il protagonista in questa mostra,

un frame multitemporale, dove ogni artista si ritrova ad

analizzare e intuire nuovi codici per svelare in ogni sua

forma, come il tempo sia parte essenziale di questa società,

ampliando così al pubblico la consapevolezza dell’uomo

contemporaneo “complice della propria sconfitta”.

 

Partendo dall’intimo di ogni opera selezionata possiamo intravedere e scorgere quindi quell’inquietudine dell’uomo all’adattamento inefficace verso il nuovo secolo, dove le continue scoperte tecnologiche/commerciali, hanno costantemente stravolto il modo di operare nel quotidiano di ognuno, compreso l’artista, entrando come un “Malware ipercontemporaneo” incosciamente o consciamente sia nel processo artistico ma anche nell’entità arcaica che l’opera stessa può trasmettere.

 

Forme geometriche erose dal tempo si possono osservare come traccie visive, rappresentate nelle opere di Martina MERLINI che utilizza il wall painting e la pittura con cera su tavola per ricreare simbologie ponte di passaggio tra futuro e passato. Tornando indietro nel tempo, la pittura arcaica di Martina Merlini, si trasforma come fosse una enorme spugna che cancella il presente Colorato e multioptional per ritornare ad un rituale dove il bianco e il nero rimanda ad antichi Grifi Atzechi e Maya, così come ancestrali e arcaiche, le forme razionali ma concentrate emotivamente verso l’infinito futuro evocano i dipinti di Eloise Ghioni.

Tra i lavori di Eloise GHIONI spicca l’opera “Are we really all made of Stars?” dove un enorme telo nero diventa lo schermo per una reinterpretazione “TV static noise” realizzato con piume colorate, dove la stessa immagine diventa parte integrante dell’ossimoro visivo creato dal titolo dell’opera. L’ossessione per i Media si possono assimilare attraverso un infinito richiamo ai frattali di vita contemporanea che ogni artista assimila o nella frammentazione atemporale in stile “warmhole” di Lamberto TEOTINO, parallelo ad un frame della serie televisiva FRINGE.

La ricerca dell’infinito e del mistero umano si nasconde nelle immagini umane private del corpo, trasportate in luoghi infiniti del tempo chiaramente visibili nella loro dissoluzione.

Lo studio delle forme organiche affrontate da Sandro DEL PISTOIA richiamano impreviste nuove collocazioni Biotecnologiche attraverso l’uso scientifico di strutture metalliche, richiamando l’attenzione a nuovi portali verso mondi paralleli mediatici, come l’opera Walw in tje Future Series No.1 Infine la geniale pazzia “iconica umana” calcolata, studiata e meticolosamente rinchiusa in griglie geometriche viene sviluppata nelle carte geniali di Leeza HOOPER artista che partendo dal proprio “nick name” lavora assiduamente per scoprire l’anima della comunicazione, il logo e le sue potenziali applicazioni decontestualizzato e privato di ogni sua forma evocativa, diventando un nuovo LOGO un NO LOGO.

 

La mostra utilizzando alcuni degli attori/artisti principali di questo futuro/presente, assume una posizione visionaria microcosmica, organicamente schizofrenica sull’evoluzione umana, aprendo nuovi scenari e codici di comprensione tra l’arte contemporanea e la storia umana.

Lapo Simeoni

 

Orari di apertura:

Giovedì, Venerdì e Sabato con orario 16.30 - 19.00

Per appuntamento:

329 2938433 (Angelo),

3281743760 (Chiara)

 

Lo spazio espositivo per l’arte contemporanea Egg Visual Art

si trova a Livorno in via del Platano 10.

www.eggvisualart.com

www.facebook.com/eggvisualart